• Per Informazioni: +39.3207013026

Adolescenza: miti da sfatare

“Trattate una persona come se fosse già quella che dovrebbe essere e l’aiuterete a diventare ciò che è capace di essere “ Goethe

L’adolescenza è una fase fondamentale della vita contrassegnata da emozioni intense , da un forte coinvolgimento nei rapporti sociali e dalla creatività .
Esistono molti miti che la circondando, miti che sono stati sfatati dalla scienza .
Uno dei miti più importanti da sfatare è quello che riguarda gli ormoni. La credenza vuole che con la crescita e con l’aumento delle secrezioni ghiandolari gli adolescenti impazziscano in preda alle pulsioni che gli ormoni esercitano sul giovane imberbe mandandolo fuori di testa .
Falso . Non è l’aumento del livello di ormoni , che pure si registra in questo periodo , a determinare ciò che avviene durante l’adolescenza ; sono i cambiamenti strutturali nello sviluppo del cervello ad avere un influenza ben più importante sulla vita dell’adolescente .
Un altro falso mito è credere che l’adolescenza sia semplicemente una fase di immaturità che vada tollerata e sopportata in attesa che “passi“ con il tempo.
In questo modo l’adolescenza viene vista come un periodo difficile a cui sopravvivere e da lasciarsi alle spalle sperando che non lasci troppe ferite e cicatrici . In questo modo i problemi che l’adolescente affronta durante il suo quotidiano rischiano di venire sopravvalutati o sottovalutati dai genitori o dalle figure di riferimento .
Ad un adulto i comportamenti di un adolescente spesso sembrano assurdi ,sconcertanti o pericolosi, tuttavia considerare l’adolescenza come una prova di resistenza è molto riduttiva ; è proprio in virtù di questo periodo che i ragazzi possono esprimere al meglio le loro potenzialità e “fiorire” .
Il “lavoro“ dell’adolescenza, il mettere alla prova i limiti , la voglia di fare esperienze nuove ed eccitanti , è essenziale per lo sviluppo dei tratti fondamentali del carattere che consentiranno di vivere da adulti un esistenza piena .
Il terzo mito da sfatare è quello della crescita come un passaggio dalla dipendenza dagli adulti ad una completa indipendenza dal mondo adulto . In realtà se è vero che in questa fase della vita è presente una spinta naturale e necessaria verso l’autonomia dalle persone adulte , è altrettanto vero che i rapporti con gli adulti possono offrire molto anche durante l’adolescenza . Per andare verso l’età adulta è necessario promuovere una interdipendenza tra adulto e adolescente integri e compensi la normale tendenza all’isolamento del “far da sè” verso il quale questo mito educativo spinge il giovane .
La natura dei legami verso le figure di “attaccamento” cambia, in questa fase assumono maggiore importanza gli amici . Nel corso dell’esistenza , passiamo dalla dipendenza dalle cure altrui, tipica dell’infanzia al progressivo allontanamento dai genitori e dalle altre persone adulte a favore di un avvicinamento ai coetanei nell’adolescenza , per arrivare con il tempo ad imparare sia a dare sia a ricevere aiuto dagli altri .
Il bisogno di relazioni profonde ci accompagna nel corso di tutta la nostra vita .
Quello che gli altri credono di noi può influenzare l’opinione di noi stessi e il nostro modo di comportarci. Questo è particolarmente vero durante l’adolescenza , per l’effetto sui ragazzi di atteggiamenti diffusamente negativi che molti adulti proiettano (direttamente o indirettamente ) su di loro considerandoli “ fuori controllo “,opportunisti” e “ inconcludenti” .
In generale gli adolescenti che assorbono messaggi negativi riguardo alla propria persona potrebbero adeguarsi al basso livello di aspettative presenti anziché esprimere tutte le proprie potenzialità .

 

Richiedi un Appuntamento

Nome e Cognome (richiesto)

Telefono (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Messaggio

Studio preferito

Accettazione Privacy

Dimostraci di essere una persona e scrivi il codice visualizzato nello spazio sottostantecaptcha

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.